Immmagini di Pinzolo

Lettera sui ritiri estivi delle squadre di calcio




03.08.2009, di G. Ciaghi (letto 3054 volte)

La presenza a Pinzolo della Juventus in ritiro precampionato e quella di tante squadre di calcio in parecchi altri centri del Trentino, dell'Alto Adige e del Bellunese, usate allo scopo di pubblicizzare e promuovere il turismo nelle varie località, hanno provocato in diversi ambienti una seria riflessione sull'opportunità o meno di spendere fiumi di danaro in tali iniziative, sulla loro compatibilità con le caratteristiche peculiari di un territorio vocato per natura, per tradizioni e per identità culturale ad altri aspetti, sulla sostenibilità ambientale di tali presenze, caratterizzate da folle (talora di fanatici) costrette in aree ristrette, per nulla adatte a sopportare carichi antropici di tale spessore, e, in ultima analisi, a chiederci se sia questo il tipo di turismo più consono alle nostre valli e su cui puntare in futuro, se valga la pena spendere tanto danaro per ospitare tali team o se invece non convenga dedicarsi a valorizzare altre risorse, più consone alla nostra immagine legata alla montagna con le sue attrattive (è del mese scorso il riconoscimento dell'Unesco alle Dolomiti patrimonio dell'umanità) e alla vita che vi si svolge.
Pinzolo ospita da più di trent'anni ritiri estivi di grandi club. Ci sono stati il Milan di Rivera, il Torino, la Roma, la Fiorentina di Socrates, il Palermo di Veneranda, il Napoli di Maradona, l'Empoli di Spalletti e Del Neri, l'Atalanta, il Verona, il Cesena quand'era in A, il Brescia e numerosi altri. Giusto chiedersi che cosa sia rimasto dei loro sèguiti una volta che le società hanno cambiato destinazione ai loro ritiri. I fans seguono i loro beniamini e badano poco alle località. Quest'anno è stato il turno della Juventus. Un giorno le si sono stretti attorno ben diecimila tifosi! Diecimila persone, con i loro sogni, i loro bisogni e le loro esigenze su un fazzoletto di terra! Non che la Juve non abbia portato benefici a qualcuno. Per carità. Da Roncone a Madonna di Campiglio nei due fine settimana del suo soggiorno non si trovava un letto. Persino Val Genova ha avuto a luglio un incremento di presenze dell'8% rispetto al 2008. (Sarebbe interessante confrontare questo dato con quello del 2007). Pinzolo e il Trentino sono comparsi spesso in TV e su tutti i giornali sportivi nazionali. E' però fuori dubbio che quando la “signora” del calcio avrà scelto un altro centro per il suo ritiro, non arriveranno più qui nemmeno i suoi sostenitori. Ed allora ci si può chiedere se sia stato giusto aver profuso euro a centinaia di migliaia per ospitare il ritiro di una squadra. O se non sarebbe stato meglio, più produttivo e corretto, investire quel danaro pubblico in risorse locali, durature nel tempo, come una miglior organizzazione della montagna e un sostegno a chi ci vive, il recupero e la valorizzazione di monumenti ed opere d'arte, di attività culturali, nella promozione di imprese caratteristiche, di iniziative pensate dai giovani....
C'è anche chi si chiede – e non sappiamo come dargli torto – se sia giusto pagare delle società perché vengano da noi a usufruire gratis dei benefici (aria sana, ambiente naturale incontaminato, ospitalità di prim'ordine...) offerti dalla qualità del nostro territorio. Sarebbe nell'ordine normale delle cose che fossero gli ospiti che arrivano qui a sostenere le spese del proprio soggiorno, se è tanto apprezzato. Altrimenti significa aver poco concetto del suo valore; averne scarsa considerazione.
Non pensiamo che le nostre stazioni turistiche abbiano bisogno di venir conosciute e “lanciate” sul mercato per il soggiorno delle squadre di calcio. Non hanno bisogno di un turismo di massa. Godono già di un alto credito internazionale dovuto alla signorilità dell'offerta e alle bellezze del loro ambiente. Per un futuro dell'industria del forestiero con un occhio al medio e lungo termine sarà meglio investire sulle risorse del posto per migliorarne la qualità, che è già alta, e renderla esclusiva. Chi vuole goderne dei benefici è giusto che sia lui a pagare.
Sarei curioso di vedere che cosa succederebbe se Dellai, Durnwalder e Galan si mettessero d'accordo di non dare più soldi ai grandi club per i loro ritiri in Trentino, Alto Adige e Bellunese... Di sicuro ne guadagnerebbe l'immagine del territorio, dell'euregio alpna. Che diverrebbe più “speciale”, ricercata e appetibile di quanto già non lo sia.
Lettera inviata all'ADIGE con preghiera di pubblicazione - Giuseppe Ciaghi
Turismo in Trentino

Ultime news pubblicate:

» Indice generale delle notizie



Cerca nel sito
Pagina FBPagina Twitter

Calendario eventi Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena



Campanedipinzolo.it - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy