Immmagini di Pinzolo

Pinzolo: Il giro della Stella e dei bambini




31.12.2009, di C. Cominotti (letto 2906 volte)

Il canto della stella a Pinzolo
“… quell’asino nel silenzio della notte è di un effetto magico”

Anche in questo fine 2009 è riapparsa per le strade di Pinzolo la stella colorata, accompagnata da una frotta di bambini, emozionati e felici di essere protagonisti di questa insolita attività e quindi indifferenti alla pioggia. Sono i soci dell’Associazione cooperativa scolastica “L’aquilone” della classe quinta elementare, invitati e incoraggiati a farsi carico del mantenimento di questa antica tradizione dalla proloco di Pinzolo.
Del canto della stella a Pinzolo ne parla nel 1887 lo scrittore etnografo Nepomuceno Bolognini (1823-1900) in uno scritto per l’annuario della SAT *.
Oltre a riportare le parole dei tre canti (“Senz’altro … le tre diverse canzoni potei raccoglierle dalla bocca degli stessi cantori”) e la descrizione dell’usanza, nel suo racconto si può cogliere l’atmosfera emotiva che coinvolgeva cantanti e uditori in quelle sere d’inverno, nelle strade buie, nelle calde stalle umide e nelle povere case illuminate dalla fioca luce di una candela o di un lume a olio.

“Le ragazze escono raccolte dalla chiesuola del villaggio, uditi i vesperi, per affrettarsi ai focolari e alle calde stalle. I giovanotti amorosi sono già usciti un momento prima, le at­tendono e le tempestano di pallottole di neve, ognuno pro­curando di colpire la propria simpatia. Anche questa, come i pizzicotti, gli spintoni, ecc., è una delle tante prove, ben materiali, con le quali estrinsecano la loro deferenza alla pre­diletta.
…Veniamo all’uso di girondolare pel paese con la stella nelle tre vigilie del Natale, del primo dì dell’anno e dell’Epi­fania.
È proprio una stella che si porta attorno, ma fabbricata di carta grossolana, incollata su un fusto di legno, vuoto nel­l’interno ove vien posto e fermato un lumicino che la illumi­na tutta e la fa parer tale. Viene appesa in cima ad una lunga asta su di un perno, ha dei fronzoli pure di carta all’estremi­tà dei raggi, un campanellino pure attaccato ad uno di questi e una cordicella ad un altro per farla girare, e così il campa­nello tintinna e avverte il suo avvicinarsi.
È rabescata rozzamente a colori e portata attorno nelle sopraddette sere da tre garzoncelli del paese sui dieci o dodici anni, che do­vrebbero figurare i tre re magi venuti dall’oriente. Altri pic­coli colleghi si accompagnano a loro e s’arrestano sotto le finestre delle principali abitazioni del paese canticchiando o meglio sbrodolando una canzoncina appresa a memoria. La canzoncina di questi re magi in miniatura annuncia la nasci­ta del bambino Gesù; varia ogni sera e deve essere stata pre­sa da qualche devota pubblicazione, ché la seconda sera, vi­gilia del primo dell’anno, è in latino, e naturalmente alterata dai piccoli cantori illetterati coi più madornali spropositi.
Quest’uso, anni sono, era comune in tutti i nostri paeselli e certo anche giù giù per l’Italia tutta; ma anch’esso va per­dendosi, rifugiandosi nei più reconditi angoli alpini, e da noi nelle valli più appartate, come Val di Rendena, Val di Sole, Val di Non.
… Ogni sera i cantori, con un solenne - felice notte - pren­dono congedo dagli abitanti della casetta sotto le finestre della quale si è cantato; e costoro, in compenso della defe­renza, la terza sera, terminata la cantata, usano regalare i supposti Re Magi con delle mele, o noci, nocciuole, casta­gne, ecc., frutti del paese, e le famiglie più agiate e civili get­tando loro dalle finestrelle alcuni soldi involti in un cartoccio acceso da un lato affinché, nelle fitte tenebre, cadendo a terra sia subito ritrovato. I cantori, allora, alla - felice notte - aggiungono un caldo - grazie - e lieti e ridenti si riducono in fine alle loro case per la ripartizione del raccolto”.
Negli ultimi 50 anni la tradizione del canto della stella a Pinzolo è stata ripresa alternativamente da varie compagnie di giovani e dal coro parrocchiale. Da qualche anno si prendono cura di questa antica usanza, e di quella del canto del Presepio, gli alunni degli ultimi anni della scuola primaria, organizzati in Associazione Cooperativa Scolastica. I fondi raccolti vengono utilizzati per le attività “sociali” della cooperativa e devoluti a sostegno di progetti di solidarietà.

*Queste testimonianze raccontate dal Bolognini sono state raccolte nella stesura integrale dal maestro Tranquillo Giustina di Caderzone e pubblicate nel volume “Usi e costumi della Rendena”, Editrice Rendena Tione, 2000

I TRE CANTI DELLA STELLA

Prima sera (vigilia di Natale)

Dolce felice notte
Più chiara d’alcun giorno
Aer di luce adorno
Grata stella, grata stella.

Vergine madre e bella
Di quel che il mondo regge
i pastori non più gregge
Giuseppe Santo, Giuseppe Santo.

Or mentre che io canto
Fratelli mie parole
Ognun col sommo sole
In terra splende, in terra splende.

Un coro d’angel scende
Al di sopra la capanna
Cantando tutti osanna,
Gloria al cielo, gloria al cielo.

Mandiamo il duro gelo
Lontan dai nostri cuori
Cantiamo coi pastori
Tanto ardenti, tanto ardenti.

Non siamo vili armenti
Nemmeno altieri monti
Noi siamo fidi e pronti
Al bel Messia, al bel Messia.

Noi andiamo in compagnia
Coi tre Magi d’oriente
Ognun col suo presente
A lui s’inchina, a lui s’inchina.

A te alma regina
Cantiamo e presentiamo
Il cuor che noi abbiamo
Al tuo bel figlio, al tuo bel figlio.

Seconda sera (ultimo dell’anno)

Puer natus in Betlem, in Betlem
Mundi gaudia Jerusalem
Laetamine in domino
In novo anno, in novo anno

Hich jacet in presepio, in presepio
Quod puer erat Dominus
Laetamine in domino
In novo anno, in novo anno

Cognovit bue et asinò, et asinò
Quod puer erat Dominus
Laetamine in domino
In novo anno, in novo anno

Hodie virgum peperit, peperit
De Virgo Jesum floruit
Laetamine in domino
In novo anno, in novo anno

Verbum caro factum est, factum est
Qui Deus homo natus est
Laetamine in domino
In novo anno, in novo anno

Laudemus Virgo Maria, Virgo Maria
Per infinita saecula
Laetamine in domino
In novo anno, in novo anno

Laudemus Santa Trinitàs, Trinitàs
Per infinita saecula
Laetamine in domino
In novo anno, in novo anno

In hoc Natalis gaudio, gaudio
Benedicamus Domino
Laetamine in domino
In novo anno, in novo anno

Terza sera (vigilia dell’Epifania)

Noi siamo i tre Re dell’oriente
Che abbiamo visto la gran stella
La qual portò novella
            Del Signore

Qual’è nato il Redentore
Redentor di tutto il mondo
Qual’è nato nel profondo
            Per il peccato

Noi abbiam molto cavalcato
Seguitando la gran stella
Dall’Oriente in questa terra
            La notte e il giorno

Noi andiam per sto contorno
Se ’1 possiamo ritrovare
Noi vogliamo adorare
            Quel gran Signore

Ancor per fargli onore
Vogliam fargli d’un bel dono
Oro, Mirra e Incenso buono
            Presentare

Noi andiamo ad adorare
Gesù Cristo al mondo è nato
Il quale fu mandato
            Re dei Giudei

Orsù dunque fratelli miei
Qui non c’è tempo da stare
Noi vogliamo seguitare
            La nostra via

Questo Santo e ver Messia
Qual’è nato da Maria
Gesù Cristo in carne pura
Noi andiamo alla ventura
Per adorarlo.

I cantori al bar Palù

La stella e il presepio della scuola primaria di Pinzolo
Turismo in Trentino

Ultime news pubblicate:

» Indice generale delle notizie



Cerca nel sito
Pagina FBPagina Twitter

Calendario eventi Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena



Campanedipinzolo.it - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy