Immmagini di Pinzolo

'Scialpinisti su piste pericolosi. Sono una lobby intoccabile'




01.02.2015, di L'Adige.it (letto 2229 volte)

Gli scialpinisti che risalgono le piste in orario d'apertura e di chiusura vanno multati: la loro attività è assolutamente illegale ed è punibile a norma di legge. Anche in Trentino è il momento di arrivare ad applicare le sanzioni previste, che fino ad oggi non sono mai state elevate. Parola del presidente della sezione trentina dell'Associazione nazionale esercenti funiviari (Anef) Francesco Bosco, che descrive il fenomeno dello scialpinismo sulle piste come una vera e propria «piaga» che affligge tutti i caroselli sul nostro territorio.

«Nelle altre Regioni e Provincie le forze dell'ordine multano (come previsto dalla legge nazionale 363 del 5 gennaio 2004) chi si avventura in salita con le pelli di foca con ammende che variano tra i 20 ed i 250 euro», dice Bosco. A quanto pare, invece, in Trentino questa forma di punibilità non esiste. «Invito caldamente la Polizia di stato ed i Carabinieri, il Corpo forestale e la Guardia di Finanza, la Polizia locale a praticare le sanzioni previste per i soggetti inadempienti - spiega - A noi impiantisti non è concesso di multare: possiamo solamente produrre segnalazioni alle forze dell'ordine preposte oppure invitare personalmente gli scialpinisti a cambiare percorso».

A questo punto è d'obbligo ricordare che la legge chiarisce come la risalita sulle piste con gli sci ai piedi sia normalmente vietata, così come qualsiasi utilizzo (in salita e discesa) delle pista in orario di chiusura.
«Ritengo che sul nostro territorio si sia creata una sorta di «lobby intoccabile» che riceve tolleranza e permissività da parte di tutti - aggiunge - Paradossalmente conosco casistiche di azioni delle forze dell'ordine su persone che hanno intrapreso il «fuori pista» in località in cui è vietato: sulle piste il pericolo viene sottovalutato». Bosco ricorda anche che sono presenti cartelli di divieto, ma che vengono spesso rimossi: «Addirittura il nostro personale rischia di essere aggredito nel momento in cui invita gli scialpinisti a lasciare le piste - prosegue - Mi chiedo dove stia il buon senso». Insomma, la convivenza da scialpinisti ed impiantisti è davvero difficile. «Da circa cinque anni la pratica con le pelli di foca è cambiata: un tempo erano sentieri e stradine forestali ad essere maggiormente battuti - dice - Ora si è affiancata la «moda» della salita e discesa in pista, soprattutto nelle serate di sabato e domenica». Bosco rammenta che nelle ore di chiusura delle piste i gatti delle neve sono in azione: «La situazione è ad alto rischio: gli operatori non vedono gli sciatori nelle tenebre e non li sentono, gli scialpinisti possono non accorgersi della fune tirata. Prima o poi ci scapperà il morto».

Continua la lettura >>>
Turismo in Trentino

Ultime news pubblicate:

» Indice generale delle notizie



Cerca nel sito
Pagina FBPagina Twitter

Calendario eventi Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena



Campanedipinzolo.it - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy