Immmagini di Pinzolo

Surgiva: una nuova immagine. Ma il canone...




01.09.2016, di CampanediPinzolo.it (letto 2745 volte)

Surgiva, complice del gusto: una nuova immagine, la stessa qualità di sempre

Il tratto inconfondibile di Surgiva reso più delicato da un effetto acquarello, la forma e la posizione dell’etichetta leggermente modificati sono gli elementi che valorizzano la nuova veste grafica dell’acqua trentina nelle tre declinazioni, Naturale, Frizzante e Mossa.
Surgiva si conferma l’acqua complice delle cose belle e buone: una bella tavola, un buon cibo, un grande vino, un luogo elegante, un'esperienza unica e l'emozione di un incontro raffinato. Da sempre custodita unicamente nella bottiglia di vetro, oggi con una veste moderna, più elegante e accattivante.
Il restyling è parte di un più ampio progetto che mira a rafforzare ulteriormente il posizionamento dell’acqua trentina nell’alta ristorazione in Italia e a costruire un piano di sviluppo all’estero. L’obiettivo in questo caso è consolidare i risultati ottenuti in paesi in cui Surgiva è presente da anni, come la Germania, e aprirsi a nuovi mercati, come accaduto recentemente con ottimi riscontri in Arabia Saudita e Qatar.
Surgiva è un’acqua purissima perché sgorga da una sorgente in alta quota, in un ambiente incontaminato e fra ghiacciai eterni, nel cuore del Parco Naturale Adamello Brenta, in Trentino. La sua leggerezza, che si traduce in un residuo fisso di soli 41 mg/L, le permette di non alterare il gusto dei cibi e dei vini cui si accompagna. Per questo è l’acqua preferita di tanti grandi ristoratori e l’Associazione Italiana Sommelier (AIS) l’ha scelta come sua acqua ufficiale. Viene distribuita solo nei circuiti della migliore ristorazione, dell’ospitalità alberghiera e nelle boutique gastronomiche in Italia e nel mondo.

Fonte: www.affaritaliani.it

Le bottiglie di acqua Surgiva

_______________

E pensare che il Gruppo Lunelli (Ferrari) paga alla Provincia di Trento, per lo sfruttamento della sorgente Prà dell'Era (una concessione su 249,30 ettari),  un canone annuo di 8.478,85 euro (circa 700 euro al mese !!!), più un contributo a titolo di sponsorizzazione, di 5 mila euro all’anno a ciascuno dei comuni di Pinzolo e Carisolo. Il Gruppo Lunelli ha registrato un fatturato di 58 milioni (con più di 4 milioni di utile) nel 2015, che saliranno a 80 grazie all'acquisizione di Bisol Prosecco. E la concessione è stata rinnovata fino al 2033 !! Un canone minimo, anche confrontandolo con i canoni per l'alpeggio (un allevatore per una malga in zona Spinale, per 3 mesi, paga un canone di 12.000 euro !!!).

Turismo in Trentino

Ultime news pubblicate:

» Indice generale delle notizie



Cerca nel sito
Pagina FBPagina Twitter

Calendario eventi Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena



Campanedipinzolo.it - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy