Immmagini di Pinzolo

Si è pensato all'opportunità di realizzare un'unica centrale termica?




20.11.2017, di Lettore Anonimo (letto 879 volte)

Cari lettori,
mi riallaccio velocemente all'articolo pubblicato per annunciare la prossima riqualificazione del municipio di Pinzolo.
Ottima iniziativa, di cui non conosco i dettagli tecnici, ma colgo l'opportunità per lanciare una proposta, di cui magari si è già discusso. Si è pensato all'opportunità di realizzare un'unica centrale termica a cippato di legna per gli edifici pubblici vicini: municipio, Paladolomiti, scuole... e perchè no, chiesa?
Certo, tutto è da valutare, sotto il profilo tecnico-economico e anche in considerazione che, a quanto leggo, l'intervento descritto non prevede lavori invasivi sugli impianti. Ma credo che possa essere una possibile futura scelta con risvolti positivi dal punto di vista non solo ambientale, ma anche economico e sociale:

  • Ambientale, perché si potrebbe fare uso di una risorsa rinnovabile potenzialmente disponibile a km zero;
  • Economico e sociale, perchè le risorse risparmate sull'acquisto di gasolio, potrebbero essere riutilizzate sul territorio per mantenere una piccola squada di lavoro stagionale per la produzione del cippato stesso. Ciò inoltre permetterebbe, seppur in piccolo, il miglior governo e pulizia dei nostri boschi, e magari (dato che se ne è tanto discusso) anche il graduale recupero di alcuni percorsi nelle vicinanze del paese.

Probabilmente sto facendo i classici "conti senza l'oste", i problemi sono tanti e sicuramente servirebbero risorse ed energie per realizzare e poi gestire tutto ciò... ma mi piace essere ottimista, anche in considerazione della limitata scala dell'intervento, a cui però potrebbero seguirne altri simili, a tutto interesse della comunità locale.
Un vostro concittadino,
A.

Turismo in Trentino

Ultime news pubblicate:

» Indice generale delle notizie



Cerca nel sito
Pagina FBPagina Twitter

Calendario eventi Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena



Campanedipinzolo.it - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy