Immmagini di Pinzolo

Parco: contributi per lo sfalcio dei prati




19.07.2019, di Pnab (letto 365 volte)

Parco: contributi per lo sfalcio dei prati
Entra in vigore il nuovo Piano incentivi. Le domande vanno presentate entro il 31 luglio. Saranno stanziati 400 euro ad ettaro

Si possono presentare entro la fine di luglio agli uffici del Parco Naturale Adamello Brenta le domande per la concessione dei contributi per “sfalcio di superfici prative” all’interno dell’area protetta.

In virtù del Piano incentivi, un nuovo strumento approvato dal Comitato di gestione a fine 2018, il Parco per la prima volta gradualmente erogherà negli anni dei finanziamenti in denaro “diretti a favorire la tutela ed il recupero ambientale, il recupero e la valorizzazione delle attività tradizionali agronomiche e zootecniche, di restauro dei manufatti edilizi ed altri interventi coerenti con gli obiettivi del Piano del Parco”. In sostanza, il Parco finanzierà chi, all’interno dell’area protetta, vorrà ristrutturare malghe, baite o ca’ da mont, secondo l’architettura tradizionale, installare dispositivi per il risparmio energetico, oppure sfalciare i prati, a favore di un generale vantaggio ambientale e paesaggistico.

Per questo primo anno, si sosterrà la pratica dello sfalcio, secondo le indicazioni deliberate dalla Giunta esecutiva il 1° luglio scorso. I soggetti privati e gli enti pubblici che intendono eseguire questo tipo di intervento devono quindi già ora chiedere al Parco l’erogazione del contributo. Le condizioni per avere i requisiti sono così stabilite: che il terreno si trovi entro i confini del Parco, che sia coltivato a prato, che i titolari (anche nel caso di più soggetti) godano di un diritto di disponibilità (diritto di proprietà, usufrutto, contratto di locazione, contratto di affitto, comodato, concessione, ecc.) e che venga eseguito almeno uno sfalcio nel corso della stagione estiva, entro il 21 settembre, con l’asporto del materiale falciato. Rimangono, invece, esclusi gli sfalci su particelle che beneficiano già di agevolazioni finanziarie comunali, provinciali, statali o comunitari.

L’incentivo che il Parco erogherà è quantificato in 400 euro ad ettaro, fino al raggiungimento della somma massima disponibile a bilancio per l’anno in corso.
Le domande di incentivo verranno esaminate secondo l’ordine cronologico in cui saranno pervenute. Nel caso di esaurimento dei fondi, le domande escluse avranno la priorità nel corso dell’anno successivo, purché il titolare confermi l’interesse entro il 31 gennaio 2020.
La liquidazione del contributo avverrà in autunno, dopo un sopralluogo dei lavori eseguiti e una valutazione delle condizioni di ammissibilità.

I modelli per inoltrare la domanda sono disponibili sul sito del Parco. Per qualsiasi informazioni, ci si può rivolgere all’Ufficio Tecnico-Ambientale (0465.806666).

Località Todesca - Val Genova - Michele Zeni - Archivio Pnab
Turismo in Trentino

Ultime news pubblicate:

» Indice generale delle notizie



Cerca nel sito
Pagina FBPagina Twitter

Calendario eventi Madonna di Campiglio Pinzolo Val Rendena



Campanedipinzolo.it - Webmaster: Marco Salvaterra - info@agraria.org - Privacy