Al virus e l mar in la Val Rendena

di Ciro Lonardoni e Iole Caola - Claudio Cominotti

Al virus e l mar in la Val Rendena

Al virus e l mar in la Val Rendena

Forse a qualcuno sembrerà fuori luogo scherzare in questi momenti di malattia, lutto e di sacrifici economici, per qualcuno anche gravi, ma l’ottimismo e la speranza di tempi migliori portano anche a far emergere elementi di positività, di ironia, di voglia di serenità e riscatto. Forso sono stati questi a permettere la sopravvivenza dell’uomo anche dopo le grandi catastrofi non infrequenti nella storia. Così uno dei poeti dialettali della prima guardia, anni ’60, il rag. Ciro Lonardoni (Baröta, come gli piace essere ricordato) , dopo essersi cimentato nella scrittura di un bel libro  SCARFOI DI RENDENA (Toc – tuchei e miguli di na memoria rafazunada), ha messo su carta questi pensieri:

Cupa ’l virus in la Val Rendena di Ciro Lonardoni

A niaftri da Soraqua nu n’ interesa circar al mar in geru. I nos buiùn i é in Vioftra, in li Ferli, a Magnabò, e po’ ‘n Nambrun, Curnisel, Valagula, Plaza, Cavrados, Siniciaga, Valorca, San Giülian, e aftri mila cantun di aquacialada, ün pü bel chi cul’aftru.

Vocabolario inglese/italiano della terminologia virale

Loch down – sarà sü – da par te – scartagiar;
Smart Working – far al cò cirnü – fu cì fu.
Asintomatico – gh’et varguta o no? Tutu là, tutu via.
Distanziamento sociale – terat in là
Picco – sü n cima.
Dispnea – rantaga – al flada.
Assembramento – i stunti o t’impidigunti!
Pre triage – vé chi valà.
Autocertificazione – in du vèt? Indù ca öi mè!
Virus – al biciöl.
Positivo – l’à ciapà la pecola – al smauz – al pisoclu.
Quarantena – na bela partida a la mora.
Flash Mob – cucù – bau sete – insùlcalgala – leva i tac e fa na grant’ofta.

 

A proposito di mare, anche Iole Caola (Isador) ha ideato un bel gioco di parole con il dialetto di Pinzolo, che ha la sillaba “mar” in tante parole:

 

IL MARE AL TEMPO DEL CORONAVIRUS: “Vuria ma nu pödu… però…” di Iole Caola, 25 aprile 2020

Conte prevede: “Si potrà andare al mare solo nella propria regione”

Alora i Pinzuler i pudrà averghi:

– aria, aqua, sul, sablun gial Mar Talac’

– sdraiu al sul, in fila sul Mar Ciapé

–  chi nu suporta al sablun, al pöl ciapar al sul intal “giardino roccioso” sü li Mar Ogni o sul prà vert dal Mar Tino

– na bela rinfrascada cun l’aqua dal Mar Occaro

Ma nüaftri da Pinzöl nu gum da lamantarsi parchè ntornu al pais gh’é tanti Mar Avèi da puder vardar tüc’ i dì.

L’ünic sit da starghi a la larga l’é l Dos dai Mar Éi!!

 

  • 46
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    46
    Shares