Finalmente estate – Na sera sirina

di Giovanni Ferrari Pirisèp - Claudio Cominotti

Finalmente estate – Na sera sirina

Finalmente estate – Na sera sirina

Dopo una primavera che tanti pensieri ha dato al mondo intero, è iniziata un’estate che dalle nostre parti sembra segnare un lento ritorno alla normalità; speriamo che anche nelle zone più colpite dalla pandemia si attenui il flagello. La poesia scritta da Giovanni Ferrari Pirisèp, conosciuto anche come “Pacifico”. Poeta e musicista di grande sensibilità, ci include in un quadro veramente idilliaco, colorato con pennellate di tenerezza e liricità, che con la disarmante semplicità delle parole suscita in noi emozioni profonde. La recita convinta è di Lucio Binelli Lucìn e il quadretto a matita è stato eseguito da Marcello Zanin di Massimeno.

Poesia, recita e disegno sono contenuti nel libro “Radìs” edito nel 1999 dal Circolo Culturale “Il Faggio”.

Na sera sirina – di Giovanni Ferrari Pirisèp

“Clicca sulla freccia per ascoltare”

Senti chi calma, chi bela sta sera

anca l cel al par vistì da nöf

nu ti senti n fil d’aria chi tera

nu ti vigi na föia chi s möf.

Tüt intornu l cel culor rosa

e la lüna chi vegn sü dre ai piciöi

al par propriu ca la faga la spia

ai murus chi va a spas, pori fiöi.

Ma li steli lasü chi scarbiza

li mi par tanc’ lumin impizè

e a vardarli l par ca i diga:

“Vulif ben, tignif ströc’, stef apè”.

Sera calma, quieta, türchina,

fata aposta par farni ’nsuniar;

tegnat cì, bela, calma e sirina

chi nüaftri ti ulum rimirar.

  • 34
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    34
    Shares