# io sto a casa! Me stu sarà sü!

di Rino Bonapace Managiot - Claudio Cominotti

# io sto a casa! Me stu sarà sü!

# io sto a casa! Me stu sarà sü!

# io sto a casa deve far pensare a tutte quelle persone che anche prima dell’epidemia, e dei conseguenti divieti, dovevano per motivi di saute stare chiusi in casa per giorni, mesi, anni.

Mi è venuto in mente un uomo di Pinzolo, da ricordare e far ricordare, almeno alle persone di una certa età che lo hanno conosciuto, a cui è capitata proprio una situazione di questa gravità:

Rino Bonapace Managiot, che è morto nel 2002, all’età di soli 56 anni, gran parte dei quali trascorsi con gravi problemi di salute che nel 1973 lo hanno portato alla cecità e alla necessità di effettuare l’emodialisi tre volte la settimana.

Ha dovuto così imparare a sopportare quotidianamente, per tanti anni, una malattia dalla quale sapeva di non poter guarire. Senza lamentarsi, con una rassegnazione però tutt’altro che passiva.

Infatti si è veramente appassionato al racconto in dialetto dei suoi pensieri, che incideva su cassetta per mezzo di un registratore.

La condizione di non vedente amplifica la propria capacità introspettiva. Perché non vedere con gli occhi obbliga a indagare il mondo con gli altri sensi, anche il sesto… a vedere con gli occhi degli altri che ti parlano… a vedere con i media, come la radio, la televisione… a vedere con la memoria… a vedere con i sentimenti… a vedere con la fantasia, l’immaginazione, il sogno… a vedere con la poesia… perché vedano anche altri.

E tentare di far vedere anche agli altri è rielaborazione, che va molto oltre il vedere.

Le poesie di Rino sono espressione di ricordi e opinioni personali, testimonianze di aspetti del tempo della sua gioventù. Sono libere da schemi, di una semplicità disarmante da cui però traspare quella profondità che una persona senza erudizione scolastica cerca e trova scavando dentro di sé, nei sentimenti e nelle memorie. Questa poesia ne è un esempio.

 

Pinzöl

 

Pinzöl l’é n bel pais,

propiu bel, tüc’ i lu dis…

 

anca i talian

chi a far li ferii i vegn quasü

i fa sü casi,

i crompa quartier

e i pü tanc’ nu i va n giü pü.

 

Milanes, Brasan e Cremones,

nu parluman po di chili aftri cità e pais…

ti ve dre a la via,

nu ti sè gnanca cu ca i dis.

Ormai i cumanda öi,

nu gh’é quasi pü gnanca Pinzöi !

Pinzöl l’é n bel pais,

propiu bel, tüc’ i lu dis…

 

da Carisöl a Giüstìn,

da Ruina, Carèra fin a Bavdim

e parfin fò i Gaiulin,

casi veci, tablè, stali, cort

nu ga n’é pü;

casi növi, alberghi, negozi e bar

a i à fat sü.

I gà tüc’ da laurar

e anca da guadagnar

e po i si lamenta

e mai i si cuntenta !

E po, a la fin da la fera

i ga n taca n toc, … e i si dispera.

 

Camp e pre nu ga n’é pü

i à fabricà parfin sa li Palü;

nu parluman po dai Dos…

i n’à fat sü a pü nu pos !

I à fabricà sü e sü

ca Pinzöl nu sa l cugnös pü.

Pinzöl l’é n bel pais,

propiu bel, tüc’ i lu dis…

 

nu sò dervi sa l’é pü bel ades o n bot,

quatru idèi ò trat giü in quatru e quatr’ot;

tanti vii é sta fat,

li va in qua e n là

la par quasi na cità.

 

Pinzöl l’é n bel pais,

propiu bel, tüc’ i lu dis…

Rino  Bonapace  Managiot 1996

SIAMO SULLA CRESTA DELL’ONDA, CAVALCHIAMOLA!
SIAMO SULLA CRESTA DELL’ONDA, CAVALCHIAMOLA!
  • 215
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    215
    Shares