La me bambula

di Rosetta Binelli Lucin - Claudio Cominotti

La me bambula

La me bambula

Chi decide di scrivere una poesia deve scegliere, oltre all’argomento (l’ispirazione), due cose importanti: le parole e l’ordine in cui metterle. Le poesie possono riguardare tutto quello che è reale, leggibile con i cinque sensi: ciò che si vede, che si ode, che profuma, che si tocca o si sente sulla pelle e anche quello che si assapora (es. le ricette in rima). Ma sfiorano anche tutto quello che non rientra in queste categorie, cioè la sfera del sentimento, del pensiero, della memoria. Spesso i due mondi si fondono magicamente, profondamente, intimamente, integrandosi e valorizzandosi a vicenda. La lettura della poesia dialettale è per la maggior parte delle persone un impegno gravoso, che rischia di far loro “passare la poesia”. Anche gli esperti devono di solito leggere più volte il testo per poter recitare. Sì, perché la poesia va “recitata”, cioè interpretata con toni di voce, accelerazioni e pause studiati e voluti, come si fa nel teatro. Più facile se si riesce a “immedesimarsi”. Per facilitare la piena comprensione, specie dei sentimenti, di cui la poesia che segue particolarmente è ricca, si può provare a leggere ascoltando una voce recitante.

La poesia è di Rosetta Binelli Lucin in Burrini. La voce di Anna Turri. La registrazione, nello studio di Gianni Beordo, risale al 1999, commissionata dal Circolo Culturale “Il Faggio”. Il disegno è di Barbara Mosca.

La me bambula di Rosetta Binelli Lucin

L’era na bambula tüta di peza
cun ti na facia già n po’ da vecia.
Al l’iva fata me mama cu li so man
fo dai tuchei d’in vec’ sügaman:
la gh’iva na soca, na plüs a bulin,
in bel curpöt, in grumbial di satin,
dü avri bei rus, du oc’ tüc’ ziles-c’
fec’ ricamè cul bumbas muliné.

A gh’iva zinc agn e l flucava da mat
quant Santa Lüzia l l’à mitüda già l piat.
La duman quant l’ò vista la m pariva ci bela
ca m’ò sintü na siora gnarela.
E quanchi na bota giügando a dutor
g’ò fat in taiöt par vigiarghi l cör
di rasagüm ne nà ’ndapartüt;
cun tüta la presa g’ò cusì l so tai,
nu l’ò pü tucada, g’ò lagà tüc’ i sö mai.

L’era la bambula mei dal pais
ma la ricordu an sa gò i cavìi gris,
cun sta matoza stricada sal cör
vöia ndù era m sintiva al sicör.
Al l’iva fata me mama cun tüt al so amor
e ades su sicöra, la gh’iva anca l cör.

La me bambula

  • 51
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    51
    Shares