La nuova veste “mobile” del Consorzio per il Turismo Giudicarie Centrali

di Consorzio per il Turismo Giudicarie Centrali

La nuova veste “mobile” del Consorzio per il Turismo Giudicarie Centrali

La nuova veste “mobile” del Consorzio per il Turismo Giudicarie Centrali

On-line il restyling del sito VisitGiudicarie.It

Foto e video d’autore accompagnati da testi emozionali: questo il nuovo look del Consorzio per il Turismo Giudicarie Centrali Www.VisitGiudicarie.it ora on-line con un layout moderno e graffiante per presentare offerte e paesaggi del territorio giudicariese.

«In questo momento – sottolinea il presidente del Consorzio per il turismo Giudicarie Centrali, Daniele Bertolini – penso sia un segnale positivo anche se è ancora presto per sapere come andrà la stagione a livello turistico. A noi preme che l’attività del Consorzio, anche se in maniera ridotta, prosegua e ci vogliamo far trovare pronti e con un’arma in più quando tutto questo sarà finito».

Grazie ad una comunicazione diretta, empatica ed emozionale «questo strumento – aggiunge Bertolini – ci permetterà di raggiungere i nostri turisti, vecchi e nuovi».

A caratterizzare il portale, arricchito da “video storytelling”, sono due macroaree: una legata all’e-commerce – con il booking online attraverso la piattaforma di prenotazione provinciale Feratel – e l’altra al territorio con la pubblicazione di eventi, attività e manifestazioni.

«È stato un lavoro lungo – commenta il direttore del Consorzio, Redi Pollini – che ci ha impegnato molto. Abbiamo mantenuto la maggior parte dei contenuti, ma di fatto il sito è qualcosa di completamente nuovo: realizzato e concepito secondo i più recenti criteri di customer experience, dunque prevedendo percorsi di navigazione immediati».

Filo conduttore del progetto è stato il “mobile first”: «i dati – prosegue il direttore – ci dicono che il 63% degli utenti naviga da mobile, quindi da smartphone e tablet. Per questo motivo abbiamo voluto creare un sito responsive, ovvero adattabile immediatamente e automaticamente ad ogni dispositivo».

Tra le novità principali spiega poi Marco Parolari, titolare della web agency che ha seguito il progetto, la Kumbe «c’è l’integrazione del booking trentino Feratel che permette all’utente di cercare immediatamente la sistemazione migliore per la propria vacanza accedendo al database provinciale».

Un’attenzione che, gli fa eco Pollini «permette all’utente di accedere a questo servizio direttamente dall’homepage e trovare le diverse offerte arricchite da una descrizione e dalla fotogallery oltre che ai contatti diretti con le strutture, le offerte proposte e le attività legate al soggiorno che ognuna di loro presenta ai propri ospiti».

Non potevano poi mancare gli eventi e le pagine dedicate alle “eccellenze” giudicariesi come ad esempio la pesca sull’Alto Sarca, la mountain bike, il Sentiero di S. Vili ed il Breg Adventure Park, il parco avventura più grande del Trentino.

«Infine – precisa il direttore – per turisti e residenti abbiamo pensato anche ad una descrizione più approfondita del territorio con numerose curiosità e angoli ad oggi ancora poco conosciuti».

A determinare l’utilità del nuovo sito dal punto di vista organizzativo ci sono poi altri strumenti fondamentali come la “landing page” per l’organizzazione trasparente e la pubblicazione di bandi ed appalti – in fase di aggiornamento; la connessione tra il portale ed i canali social (Facebook e Instagram) e la gestione dei dati statistici di accesso al sito ed alle campagne Google ADS attraverso Google Anlytics.

Una messa on-line che è però solo l’inizio: «visto il periodo – conclude il presidente Bertolini – vogliamo verificare anche la possibilità di utilizzare i social e il sito per valorizzare la nostra funzione di “Centro servizi” supportando ed inserendo attività e proposte di operatori, artigiani e altre categorie. Su questo stiamo ragionando con la Valle del Chiese con cui lavoriamo come fossimo un unico ambito».

Direttore Redi Pollini
Direttore Redi Pollini
  • 52
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    52
    Shares