La viva voce di un nipote!

di Graziano Righi - Claudio Cominotti

La viva voce di un nipote!

La viva voce di un nipote!

Qualche settimana fa in occasione di un articolo simile a questo consigliavamo di leggere la poesia dialettale ascoltando contemporaneamente la voce recitante; invitavamo anche a considerare con sentimento la situazione degli anziani, in particolare dei nonni.

Graziano Righi di Carisolo ha riservato alla sua nonna paterna un bellissimo ricordo, le ha scritto una poesia e le ha dedicato anche un disegno. Nella stessa presenta anche qualche altro personaggio di Carisolo, ma conosciuto nei paesi dell’alta val Rendena, sicuramente compreso nei ricordi dei “diversamente giovani”. Anche la sua voce è stata registrata nello studio di Gianni Beordo nel 1999, in un CD allegato al libro “Radìs”, editato dal Circolo Culturale “Il Faggio”, sul quale ogni poesia è illustrata dal disegno di un artista locale. Qui coincidono il poeta, l’artista e il recitante. Bravo Graziano.

Me nona – di Graziano Righi

“Clicca sulla freccia per ascoltare”

 

Am ricordu tanta gent da Carisöl,

di spusè, cu la famöia, ün chi stava daparöl,

al Tondu sempru cu la so fasina,

Giuanata, Rumanu cun Minighina,

Peru Paneti l’ò vist pochi boti

e m ricordu n poc anca Gigioti.

Bütava sü poc al barba Custanti,

sü e giü da Stremp tüc’ i dì e avanti

a pe, cun l’aqua, l sul, la nef,

li braghi n po’ corti, n toscano, l capel.

Ma ga n’é üna ca propriu ma la ricordu ben,

nu farti marauea: l’é da la me gent:

l’era me nona, mari di me pupà s’intent,

Maria di Stefan par cul’aftra gent.

Ogni tant la m fava la culaziun

tra na tuntunada e n’uraziun

e la m disiva quanca duprava l zücar cun la cazöla:

“Sta atento pop, ca chi nu la misöra nu la döra”.

La draviva l’üs, goba, cu la lingua fo cume n pazarel

par far grignar i pop dal so matel;

e la disiva da li doni poc vistidi:

“Lì sa ga urìa n maz di urtighi”.

Eh, l’ò fata anca tribülar e cun ti n cüciarin

i trava l’aqua giü dre al cupin.

Zertu parò ca m plasaria

turnar indré a qualchi an fa

e far na roba ca m’ò dismantagà:

sicör l’é pec’ chi n’utopia

ma urìa darghi n bus prüma ca la ofta via.

  • 157
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    157
    Shares