L’ORAZION DA LA DEDA MILIA

di Carlo Antoniolli Bagàt - Claudio Cominotti

L’ORAZION DA LA DEDA MILIA

L’ORAZION DA LA DEDA MILIA

Oggi è domenica. A proposito di preghiere in dialetto (vedi la presentazione di “L’orazion dal Vanardì Sant” di Lidia Minelli, pubblicata la Settimana Santa), anche il conosciutissimo Carlo Antoniolli Bagàt ne sapeva recitare una a memoria. Ha scritto anche poesie molto belle, es. Mac’ – maggio, che si può leggere in questo sito nella sezione “poesia”.
Ci teneva molto a questo suo bel ricordo dell’infanzia, e un bel giorno me l’ha scandita parola per parola affinché la potessi scrivere. Mentre la leggo mi sembra di sentire la sua voce recitante.
Anche la presentazione viene dalla sua bocca.

Carlo Antoniolli Bagàt:
Quanca sèra ’n gnarel me deda Milia la m tuliva dré, a nar par castögni o a far vargut aftru, e la disiva sempru sü sta orazion, fin ca l’ò ’mparada anca me. Al sarà sta ’ntorn al milanöfzentrentaset (1937).

L’ORAZION DA LA DEDA MILIA

Vago a let
con Domini spet
con Domini magior
con Cristo Salvator.

L’Anzol bianc
lo Spirito Sant,
la Vergine Maria
e tüc’ i Sanc’ in cumpagnia.

A let me ne vo
levàr no lo so;
se per sort no levas
l’anima mia a Dio la las.

La laso a la Madona
ca l la daga a San Giuàn,
ca l la varda da l’ingàn
ca l ga la daga a San Pero
e ca l la möta indal löc
e ca l falso disinimic
nu l la tröva né di dì, né di not
né sül punto da la nosa mort.

Se polsessi e no dormessi,
altra pòra non avessi
né dai vif e né dai morc’
e né dal falso disinimic

e ca l Signor al daga
rechia ai vif
e pace ai morc’.

  • 28
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    28
    Shares