L’orazion dal Vanardì Sant – Lidia Vidi Minelli

di Lidia Vidi Minelli - Claudio Cominotti

L’orazion dal Vanardì Sant – Lidia Vidi Minelli

L’orazion dal Vanardì Sant

In un passato non troppo recente, fino agli anni ’60, si usavano ancora delle giaculatorie e preghiere in dialetto da recitare in precise occasioni, per esempio al mattino, alla sera prima di dormire, ecc. Chissà in che tempo sono state ideate.
Lidia Minelli si è ricordata questa per tutta la vita e mi ha raccontato:

Al Vanardì Sant, quanca sèra na gnarela, vignivani giü a pè da Mavignöla a Pinzöl, fo par al dopmezdì, par l’Adorazion.
Erani in arquanc’ e disivani sü zentu boti sta orazion. Al sarà sta ’ntorn al 1937.
Si nfarmavani a mösa e a la procesion, e po turnavani ndré.

Vanardì Sant

Incö l’é l Vanardì Sant,

la Madona l’à fat in gran piant

in gran piant e n gran dulor

sü la crus dal nos Signor.

I l’à batü e strabatü,

cun tri ciò i l’à ‘nciudà

e cu la lancia i l’à pasà.

Lidia Vidi Minelli

L’affresco della Crocifissione è a Pimunt Aft, si legge:

GESU’ MIO MISERICORDIA:
FRATELLI BINELLI F. F. (fecero fare)
PER DIVOZIONE: Chinatti
L’ANNO 1914

  • 48
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    48
    Shares