Pubblichiamo la mail che ci ha inviato Tiziana Collini di Pinzolo con la sua bellissima poesia in dialetto

di Tiziana Collini

Pubblichiamo la mail che ci ha inviato Tiziana Collini di Pinzolo con la sua bellissima poesia in dialetto

Pubblichiamo la mail che ci ha inviato Tiziana Collini di Pinzolo con la sua bellissima poesia in dialetto

Buongiorno,
ho composto qualche giorno fa Una poesia che descrive questo surreale momento che tutti noi stiamo attraversando.
L’ho postata sul mio fb, ma in molti mi chiedono di metterla dove tutti possano arrivare a vederla e leggerla, di pubblicarla dunque su campane di rendena/ pinzolo.
Grazie

Tiziana Collini
classe 1983
Pinzolo

Titolo :
”Nu vui turnar in dre’ a cul chi era,
vui turnar a vivar la Vita vera.”

Da par nos cont.
Chi in cità chi su par in munt.
Tut s’à farmà,
Si fa li proui anca a tirar al flà.

Sa gà pora, aprensiun,
Si sì saluda, quanca la va begn, dal balcun.
Pù gna ‘n casa si sì sent sicör:
“Et disinfatà la manöcia, la porta.. e ‘l mör?”

Fermu lì, netat chili man!
Acqua e saun pruma da pugiar al pan.
Cu fet cun chii dè ‘n buca?
Varda drè a cul pop indù cal tuca!”

Več, giogn e gnarei,
Siori, puroč, bruč e bei
Nu ghe distinziun di sort,
Ca ti gabi rasun o ca ti sii in tort.

Ià dit ca ‘l durava na stamana,
E alora tuč a far festa come ‘ntal puliner la puiana!
Ma dop um vist Conte al telegiornale:
“Ascoltate italiani questa è un’emergenza nazionale!”

“State a casa, cibo ne avete in abbondanza!
Altrimenti attenti che emetto un’altra ordinanza”
Da na stamana iè divantadi doi e po trì
E ades nu si pol far gna du pas al dì.

Paró in poc la sa ghi vuliva:
Um imparà a lavarsi li man cun la lisiva!
Uramai nu erani pu abituè
A far la cua e a star du pas indrè.

L’e vera, si sintum in gabia
Senza puder sfugar tuta la nosa rabia;
Ma ela costriziun o libertà
Star in poc a casa senza far pacà?

Ades gum ‘na gran vöia
Da star cu la nosa famöia
Giugar insema, grignarsi dre,
Corar ‘ntornu al taul e po trarsi sal canapè.

Vardar di fo, al sul, la luna
Ma pinsa te chi gran fortuna!
Iè sempru stadi lì, pianti e fior,
Epure pruma al pariva tut pu scor.

Nu um mai vardà begn al mondu ca ni circonda
Sempru cu sta smania, not e dì, da nar in gionda!
E alora farmumas in mument,
Varzum i vedri ca vegna dintru ‘l vent:

Erat pruma, sempru di corsa e ‘ndafarà,
La stesa persona ca ti se ades in poc trigà?
Ucuriva in virus cì brut
Par spustar li atenziun in poc a tut?

Pìnsai sora quanca al sarà pasà,
Parchè la speranza pu granda par l’umanità
l’e ca vargut, forsi, dalbon, l’abia cambià.

Tiziana Collini. 25/03/2020

Pinzolo
Pinzolo
  • 529
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    529
    Shares