Riaprono gli asili… Asilo ti salüdu

di Mariella Caola Maestri - Claudio Cominotti

Riaprono gli asili… Asilo ti salüdu

Riaprono gli asili… Asilo ti salüdu

Finalmente, dopo una pausa non voluta da nessuno, ma necessaria, le scuole dell’infanzia provano a tornare alla normalità, magari insistendo di più su alcuni aspetti educativi che già erano parte del progetto pedagogico-didattico, come il lavarsi le manine e altri accorgimenti normativi che si tenterà di far osservare a questi piccoli bambini. Sulla scuola dell’infanzia, chiamata da sempre, anche adesso, asilo, Mariella Caola Maestri ha scritto un bellissimo racconto in rima della propria vita da scolaretta, fingendo di essere ancora bambina. Erano altri tempi, allora non si parlava di “inserimento” e gli aspetti educativi famigliari e sociali erano, a dirlo con amabilità, molto più determinati. Ma poi, riguardando da “grandi” le proprie peripezie infantili, si è spesso portati a vantarsi maggiormente delle imposizioni subìte che non dei momenti di affetto e dolcezza. La poesia di Mariella, che lei stessa recita nella registrazione fatta vent’anni fa, inquadra con saggezza la propria esperienza nella sfera dei sentimenti e  ci fa partecipare con tenerezza e un po’ tornare alla mente anche i nostri ricordi.

Il disegno che accompagna questo scritto è di Graziano Righi Rugiat di Carisolo; entrambi sono tratti dal libro Radìs edito dal circolo culturale “Il Faggio” – Val Rendena.

Asilo, ti salüdu di Mariella Caola Maestri

“Clicca sulla freccia per ascoltare”

Quatru agn fa senza ca me sapia nienti
me mama la m’à mitü sü l’ “atenti”:
Duman a l’asilo ti ghè da nar,
mi racumandu, nu sta farmi tribülar!
Cul grumbialin indos e li pantofuli suta l brac’
g’ò dat man a me mama e s’ùm mitü n viac’.
I prüm dì piangiva, puntava i pé,
nu vuliva nar, tirava ’ndré.
La maestra l’era lì ca la mi spatava
e senza ca me ma n’acurgigös, me mama la sa la ’nsulcava;
cu la pasienza di Giobe, si fa par der,
la mi insagnava a rasunar e a übider.
Sa n’induman omagn vulum divantar
a l’asilo e dop a scöla büsügna nar.
A la prüma, fava dai granc’ scraboc’
ca a vardarli stralünava fin i oc’;
era cuntenta, i purtava a casa ulintera,
a tüc’ ga i fava vigiar, tachè i era sora la litéra.
I quatru agn i é già pasè, manca poc dì
e l’asilo l s’à finì.
Maestra, in bus vuria darti,
l’é n modo come tanc’ par ringraziarti;
scüsam sa qualchi bota t’ò fat usar,
nu su perfeta, era lì par imparar
e suta suta gh’é na lagrama chi büta,
nu su bona da ’nfarmarla, la va di suta.
L’é na lagrama di gioia e nustalgia
par sti quatru agn pasè n cumpagnia.
Ciao asilo, mi ricurdarò
di cul ca ò imparà e ben crisarò.

  • 27
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    27
    Shares