Visto che siamo in inverno e la pista Tulot è aperta… “La Madona dal Tulòt” di Jack Caola

di Jack Caola - Claudio Cominotti

Visto che siamo in inverno e la pista Tulot è aperta… “La Madona dal Tulòt” di Jack Caola

La Madona dal Tulòt

La località Tulòt si trova sulla strada vecchia per Mavignola e Campiglio, che parte al ponte di Carisolo. Dopo circa un chilometro, sulla sinistra, immediatamente prima del nuovo tunnel sotto la pista di sci, c’è il vecchio maso Tulòt. Lungo la strada, sulla parete est del maso, è dipinta in affresco una Madonna col Bambino in braccio e con due Santi (Rocco e Antonio?). Nel cartiglio in alto si legge l’iscrizione: “1695 Antoni Tuloto fece fare et Bartolame fratello figlioli 9 Antoni Toloto P.S.D.” Lo sguardo della Madonna ti segue mentre ti sposti davanti al dipinto. Questa Madonna era molto venerata dai passanti, perlopiù gli abitanti di Mavignola e dei masi dell’ampia zona che si estende fino di Campiglio.

Nel 1975 Jack Caola, colpito dal degrado dovuto alla vetustà, all’incuria e alle numerose firme graffiate sopra l’affresco, ha dedicato questa malinconica poesia.

È la Madonna stessa che parla:

 

La Madona dal Tulòt

 

“Su la Madona dal Tulòt

cula chi vi vardava dré ’n bòt.

Ò dit in bòt, e l’é anca vera

nu vigiu pü nigügn, di dumàn o di séra.

 

La via ormai la pasa da là

E cu la via i m’à abandunà.

I  m’à abandunà anca chii ca da gnaraloc’

i ò visc’ crösar granc’, suta i mé oc’.

 

Pasava la mé gént da Madarciöi,

dal Fratè, Mavignola e da Campöi,

da Plaza, Fugaiart, Limöda e Pin,

Palü, Pramagnàn, Faè e Cularìn.

 

Pasava lì malghi, caritér e pastor,

cavrèr, suldè e qualchi sior:

na póra föta di umanità,

tüc’ chi dumandàva ’n pò di pietà.

 

Par quasi tri sècui ’na gran divozion

i m’à purtà sémpru sti generazion.

A ognün cui mé oc’ ai vuliva parlar:

al farìa anca ades sa i ös da pasàr.

 

Ma gò quasi vargogna; su chi ca vu ’n tòc

e téru amù n ’nanc’, ma ’1 sarà bén par pòc.

Invézi di fior e di Ai Marii

gh’é apena urtìghi e purcarii.

 

Ma ’l pü ca mi trìbüla e mi dulora

i é i temp d’adès e chii d’alora:

sta gént ben vistìda da la lingua fina,

ma vìgiai miga ca i mé oc’ i é ’n ruìna?

 

Va ’n ruìna i mé oc’! Ca i à vist na gran storia!

Ca l’é anca vòsa, sa ghi ’m pò memoria;

ma ormai par li robi chi ga ’n pò valor,

ò capì, nu gh’é pòst in mez ai mutor.

 

E sa ’n dì ös da nar, sparér, come i mòrc’…

su sicòra: di üaftri, nigügn sa n’acorc’!”

Jack Caola, 1975

 

La traduzione dal dialetto naturalmente non può conservare sempre la rima.

 

“Sono la Madonna del Tolot,

quella che vi seguiva con lo sguardo, una volta.

Ho detto “una volta” ed è una cosa vera

non vedo più nessuno, di mattina o di sera.

 

La strada ormai passa di là

e con la strada mi hanno abbandonato.

Mi hanno abbandonata anche quelli che fin da piccolini

ho visto crescere sotto i miei occhi.

 

Passava di lì la mia gente

dei masi di Mavignola e Campiglio (elenco delle località).

 

Passavano malghe, carrettieri e pastori,

caprai, soldati e qualche turista:

una povera fetta di umanità

e tutti chiedevano un po’ di pietà.

 

Per quasi tre secoli una grande devozione

m’hanno sempre portato queste generazioni.

A ciascuno con i miei occhi volevo parlare:

lo farei anche adesso se dovessero passare.

 

Ma provo quasi vergogna: sono qui che vado a pezzi

e tiro avanti ancora, ma sarà ben per poco.

Invece di fiori e Ave Marie

ci sono solo ortiche e porcherie.

 

Ma il più che mi affanna e mi addolora

sono i tempi, di adesso e di allora:

questa gente ben vestita e con la lingua fina

non si accorge che i miei occhi vanno in rovina?

 

Vanno in rovina i miei occhi! Che hanno visto una gran storia!

Che è anche vostra, se avete un po’ di memoria;

ma ormai per le cose che hanno un po’ di valore,

ho capito, non c’è posto in mezzo ai motori.

 

E se un giorno me ne dovessi andare, sparire, come i morti…

Sono sicura: di voialtri, nessuno se ne accorge!”

 

Per fortuna l’appello di Jack non è caduto nel vuoto e qualche anno dopo il Comune ha organizzato il restauro, con il contributo dei proprietari, Cassa Rurale e Cooperativa. Lo ha realizzato il prof. Giulio Poggiali di Roma, così nel 1995 si è svolta la celebrazione dei 300 anni del dipinto, alla presenza di tutti i bambini delle scuole di Pinzolo. Sono passati ormai 25 anni e il restauro tiene, e se passi di lì vedrai che gli occhi della Madonna ti seguono per tutto il tratto di strada.

  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares