L’estate sta finendo – Poesie autunnali

L’estate sta finendo – Poesie autunnali

L’estate sta finendo   (Anna Turri, Lucio Binelli e Claudio Cominotti)

Come nel testo della famosa canzone si ripete anche quest’anno la malinconica chiusura della stagione estiva; l’accorciarsi delle giornate pare indicarci il cammino verso un grigio crepuscolo. Sappiamo però che ciclicamente dopo il riposo invernale sboccierà di nuovo la primavera, come una resurrezione dopo la morte. Inoltre, se osserviamo l’ambiente naturale, scopriamo nell’autunno tanta bellezza e positività: la raccolta della frutta autunnale, l’abbondanza dei funghi, i primi accenni e poi il trionfo dei colori più vivaci.

Dalla natura la poesia trae spunti fantasiosi e originali, perché il poeta sceglie sì le parole e le ordina, ma prima ancora mette in campo un acuto spirito di osservazione e tanta sensibilità. Di questi valori sono intrise le brevi poesie di Anna Turri. Dal terzo taglio dell’erba dei prati (…li antàni magri dal tarzöl) alla prima nevicata (…in bistiöl smarì chi s’à ’mplantà), in questi quattro componimenti è un susseguirsi di immagini che nella mente si raffigurano come dipinte da un pittore naïf .

Il lettore d’eccezione Lucio Binelli sa far gustare il colore e il sentimento dei testi poetici.

 “Clicca sulla freccia per ascoltare” 

Setembar 

Al plöf

sü li antani magri dal tarzöl

tacà a ’n fil

in còrf daparöl al varda giü

li prümi nus chi cròda

Sü li cimi ali di nebia

come ’l füm da li candèli sa l’aftar

a la fin da la Mösa Granda

            Trödas di utubar 

Cünè da l’istà

da  séri amù tiepidi

da n calor rigalà

di colpu al mondo al s’à girà

sü li cimi s’à livà la büfera

al vent al para i nügulun

quatru guci, na spéra

e sbatar di barcun

É rivà l’aftun

a törni giü ’l capel dal cò

a spazar cul chi resta

a der … l’é finida la festa !

            Utubar 

Cercu ’l bèl

Di na sera d’utubar

In spic di lüna ’n tal cel

Al cör chi bat

Suspatus

I me pas sü l’erba plagada

E ’n fil di vus

            Nebia 

Al cel l’é ciucà sü la tèra

l’à ’nglutì al paìs

na cuèrta bianca di nebia e di nef

i me pas i é pü gref

Apena i corf i sa la gòt

i usa e i sbat li ali

i sgòla in qua e n là

a circar in bistiöl smarì

chi s’à ’mplantà

Pöstuli sül Brögn da l'ors
Pöstuli sül Brögn da l’ors
  • 24
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    24
    Shares