Ho portato la Fiaccola Olimpica !

di Bruno Monfredini

Ho avuto l’onore di far parte dell’immensa staffetta di tedofori portatori della Fiamma Olimpica delle Olimpiadi di Torino 2006.

Aprile 2005: un po’  per gioco, clicco un link in Internet: “Diventa anche tu Tedoforo….”.

Successivamente ricevo l’e.mail con i codici di accesso al sito “Fiammaolimpica.it”, dove vedo che l’itinerario del “Viaggio della Fiamma Olimpica” passa proprio in mezzo a Pinzolo.

Poi, più nulla, fino a domenica, quando ricevo la telefonata che mi invita a presentarmi martedì 25 presso il Municipio di Carisolo, per ricevere le istruzioni.

Lì incontro altri “aspiranti-tedofori”: 1 addirittura viene apposta da Treviso!

Veniamo accompagnati in  navetta fino a Strembo, punto di partenza della nostra frazione; da lì, ogni 300 m. veniva fatto scendere il tedoforo.

Il viaggio in navetta fino al mio punto di partenza –  bivio strada per Prà Rodont – mi ha fatto apprezzare l’atmosfera di festa – molti i bambini delle scuole materne ed elementari – che circondava il passaggio della carovana: ben altra storia, rispetto a quella del giorno precedente che ha visto Trento suo malgrado protagonista!

A Giustino, i bambini delle scuole formavano con degli hula-op i 5 cerchi olimpici.

A detta dell’autista della navetta, inequivocabilmente romano, una bella cosa che non aveva ancora visto.

Una bella esperienza, unica per me, ……ma….. Spiace invece aver appurato dai giornali e anche dalle testimonianze, che molti sportivi, atleti del passato e del presente non siano nemmeno stati contattati per portare la fiaccola.

Addirittura, nella nostra famosa Madonna di Campiglio, terra di molti campioni del passato – e mi viene in aiuto lo splendido “Eco del Brenta” in distribuzione in questi giorni -, non solo questi non sono stati contattati, ma addirittura la loro offerta è stata rifiutata per evitare qualsiasi complicazione di carattere “commerciale”…..

Bruno Monfredini accende la Fiaccola Olimpica

La Fiamma Olimpica nei pressi delle Funivie Pinzolo
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •