Pinzolo: il maestro Gilberto Bonapace posa la bacchetta

di Marzia Maturi

CONCERTO DI NATALE 27 DICEMBRE 2008
BANDA COMUNALE di PINZOLO
Il maestro Gilberto Bonapace posa la bacchetta

         Il consueto concerto natalizio che unisce le note della Banda Comunale di Pinzolo e i canti del coro Presanella quest’anno si è tenuto il 27 dicembre presso la Chiesa Parrocchiale di Pinzolo. Il tradizionale appuntamento ha l’intento di offrire ai residenti ed ai turisti un momento di magica atmosfera che ben si associa alle festività natalizie. Il coro e la banda propongono infatti dei brani musicali legati al Natale, sia per quanto riguarda aspetti religiosi che aspetti magici che circondano da sempre questo particolare periodo dell’anno. Il concerto si è articolato in 3 parti: in apertura e in conclusione la Banda Comunale di Pinzolo diretta dal maestro Gilberto Bonapace ha eseguito alcuni brani strumentali mentre nel cuore della serata il coro Presanella diretto dal maestro Massimo Caola ha intonato canti tipicamente natalizi.

 

         Quest’anno però il concerto di Natale è stato ancora più speciale delle edizioni precedenti in quanto ha rappresentato per la nostra Banda un passo molto sentito: il maestro Gilberto Bonapace che ci accompagna ininterrottamente dal 1984 ha deciso di posare la bacchetta e dal 1 gennaio 2009, troverà posto a sedere nelle fila della banda, accanto ai suoi bandisti.
Quale occasione migliore per ringraziarlo del lavoro svolto? Un concerto con un folto e caloroso pubblico sembrava davvero l’occasione giusta quindi dopo l’esecuzione del primo brano Carmen, la presentatrice nonché dama in costume della nostra compagine, invece che passare alla presentazione del secondo pezzo ha esordito con queste parole:”…molti di voi non sanno che a Pinzolo c’è un luogo dove 100 persone si ritrovano legati dalla passione della musica, dalla voglia di imparare a suonare uno strumento musicale…di queste 100 persone ce ne sono circa 50 che da maggio a settembre una sera a settimana si danno appuntamento per provare nuove partiture…tra queste 50 ce ne una che non può assolutamente mancare perché con la sua bacchetta ha il compito di catturare e sintonizzare le capacità di tutti. Una sera a settimana per tante settimane all’anno per tanti anni…ben 24”. Con queste parole è stato introdotto un momento molto sentito dai bandisti, il Presidente Gigi con parole commoventi e tono emozionato ha ringraziato il maestro per il suo prezioso contributo ventennale sottolineando più volte quanto la costanza, la pazienza, l’impegno, la professionalità musicale e la caparbietà nella ricerca degli spazi di miglioramento,  abbiano accompagnato i 24 anni di Gil alla guida della Banda.
A ricordo di tutti questi anni dedicati alla banda del suo paese è stato consegnato al maestro un prezioso quadro dell’artista trentino mastro7, sulla lastra d’argento è stato inciso un momento di banda ed in primo piano si riconosce Gilberto che dirige con il suo inconfondibile stile e la sua caratteristica posa. Nella serigrafia vi è anche un’incisione “Con infinita Gratitudine e Riconoscenza, i tuoi bandisti….“ frase che più di mille parole mostra l’affetto rivolto al nostro maestro.
Gilberto ha davvero sorpreso tutti quanto ha preso la parola ringraziando e spiegando che non ha nessuna intenzione di mollare la banda ma che andrà a sedersi tra i suonatori con un rinnovato entusiasmo. Questo passo è segno della sua comprensibile necessità di tirare il fiato, ma nel contempo della voglia di continuare la strada bandistica.
         Queste righe vogliono essere un ringraziamento: vogliono mostrarti quanto ti stimiamo e quanto siamo affezionati a te Gil e che dopo ben 24 anni di encomiabile e significativo impegno ti siamo riconoscenti per la tua preziosa presenza e siamo davvero contenti che tu voglia rimanere tra noi perché la banda ha ancora tanto bisogno della tua esperienza, della tua pacatezza e della tua indubbia capacità musicale.

         Grazie Gil !!!!

         BANDA COMUNALE PINZOLO
         Marzia Maturi

Gigi Maffei e Gilberto Bonapace
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •